I 5 errori da evitare quando siete in vacanza in Slovenia

I cinque consigli che vi do oggi vi saranno utili per pianificare bene le vostre vacanze in Slovenia. Se si conoscono le peculiarità di questa nazione, si può evitare di commettere certe ingenuità da turista e godere al meglio della permanenza. È probabile che non sarete particolarmente colpiti dalle città, dai musei o dai monumenti; venendo in Slovenia resterete semmai incantati dai paesaggi, dallo scorrere lento della vita, dall’atmosfera magica di questi luoghi.


Scoprite i cinque errori tipici del turista medio in Slovenia!


Errore numero 1: visitare Lubiana il sabato pomeriggio

Quando faccio un giro in centro il sabato pomeriggio vedo sempre la stressa cosa: turisti che vagano per la città alla ricerca di un’attività qualunque o di un po’ di vita. Lo stesso vale, oltre che per Lubiana, anche per Maribor, Koper e le altre cittadine.


Il sabato i negozi chiudono alle 13 o al più tardi alle 15!


Il sabato, gli sloveni se ne stanno a passeggiare in montagna, vanno in gita con la propria famiglia, o fanno shopping nei centri commerciali in periferia. Contrariamente a quanto accade in Italia, il sabato pomeriggio non è affatto il momento più interessante e vivo per visitare una città ! Lo stesso vale per l’Austria e la Croazia, badate bene.

Semmai provate: Velika Planina, la più bella passeggiata delle Alpi
 

Errore numero 2: fare shopping a Lubiana

Non perdete tempo nei negozi delle grandi catene. I prodotti sono esattamente gli stessi che trovate in Italia e i prezzi sono identici. A Lubiana capita di incrociare turisti da Zara, H&M, Bata,…. È un peccato perdersi quello che c’è di caratteristico in città per chiudersi in negozi che si trovano identici in tutte le regioni d’Italia. Lubiana possiede il più grande centro commerciale d’Europa, ma non vi consiglio di passarci del tempo (salvo meteo inclemente).

lubiana

Errore numero 3: visitare tutta la Slovenia anziché viverla

Se organizzate un soggiorno in Slovenia, non pianificate la visita di tutte le città (Maribor, Capodistria, Pirano, Ptuj, Postumia…) come le stazioni del gioco dell’oca, perché sarebbe come guardare da fuori le vostre vacanze. Vi consiglio un altro approccio: cercate di organizzarvi per un’attività al giorno. Godetevi le terme – molto più economiche di quelle italiane – , fate una passeggiata in montagna, un giro in bici, un bagno nell’Adriatico. Così facendo non solo conoscerete attivamente la nazione slovena anziché guardarla da fuori, ma riuscirete a fare molte più cose.

Lo stesso vale per la capitale, perché visitare Lubiana in lungo e in largo non è la chiave per scoprirla. È una città piccolina, che non va percorsa in lungo e in largo nei suoi quartieri come fareste con Roma, Parigi o Londra. Vivetela semmai, cercando di calarvi nel ritmo di vita dei suoi abitanti. Non percorretela con gli occhi piantati sulla Lonely Planet o su Google Maps, ma seguite il vostro istinto, e soprattutto seguite il fiume Ljubjanica. Aprite le porte, percorrete le stradine più strette, avventuratevi oltre le zone pedonali del centro tenendo la Ljubjanica come riferimento.


Durante la vostra vacanza slovena, evitate di programmare le visite “toccata e fuga” a decine e lasciate perdere le corse sfrenate tra città e città.


visite de Ljubljana


Al posto di inseguire una lista di attrazioni turistiche, prendetevi il tempo per le passeggiate nella natura incontaminata di queste terre, per indugiare mollemente seduti sulla terrazza di bar e ristoranti.


Errore numero 4: portarsi il pranzo al sacco

I turisti che vengono in Slovenia con un budget limitato, o quelli che arrivano dal Friuli per una gita giornaliera, sono soliti pensare che la soluzione più economica per i pasti sia quella del pranzo al sacco. Il fatto poco noto è che i panini portati da casa probabilmente non saranno più convenienti di una pizza mangiata comodamente seduti alla terrazza di un ristorante cittadino. Accomodatevi al tavolo, scegliete una pizza grande dal menù (in Slovenia le pizze sono proposte in due taglie, e veliko significa grande), e dividetela con il vostro compagno o con la vostra compagna di viaggio chiedendo due piatti al cameriere. Si tratta di una pratica consueta nelle pizzerie slovene perché le pizze grandi sono effettivamente gigantesche. Con questa piccola astuzia, mangerete in un contesto comodo, non porterete del peso da casa, e spenderete 4€ per gli agi di un ristorante. Se aggiungete della frutta fresca acquistata direttamente al mercato avrete ottenuto un pasto completo e soddisfacente assolutamente cheap.

Ljubljana resturtants pizza

Errore numero 5 : cercare un alloggio fuori dal centro di Lubiana per risparmiare

Se venite a Lubiana per qualche giorno vi consiglio di alloggiare in centro, anche in centro storico, che è ovviamente la parte più bella della città. I dintorni e la periferia sono identici a quelli che si possono vedere anche in molte città italiane: distese di parallelepipedi grigi ad alta densità abitativa ed enormi pannelli pubblicitari… decisamente molto prosaico e poco poetico. Ovviamente gli alloggi sono un po’ meno cari che in centro; tuttavia in periferia il contesto è molto meno piacevole e vale davvero la pena godersi al massimo la zona pedonale del centro di Lubiana.


La Slovenia è un Paese dove rilassarsi, trascorrere del tempo a contatto con la natura, approfittare di diverse attività. Quello che non è: una lista di “luoghi da vedere”!


Ecco un esempio di ciò che vi consiglio di fare quando visiterete Lubiana. Passeggiate senza guardare la mappa, lasciandovi guidare dalle strade parallele al fiume. Curiosate al mercato coperto cittadino. Salite al castello passando per le stradine secondarie (lasciate perdere la funicolare!), siate curiosi e seguite tutte le vie che vi sorridono. Quando siete stanchi, concedetevi un po’ di relax seduti sui gradini della statua di Preseren, in piazza dei tre ponti. Osservate, guidati dal voyeurismo sano e innato dei turisti saggi, gli abitanti della città intenti nelle loro occupazioni. Quando ne avete abbastanza, potete riprendere la passeggiata, o semplicemente spostarvi per osservare la città e la sua gente da un altro punto di vista. Così scoprirete il fascino di Lubiana, parola mia.

 

Anche il momento del pranzo può rappresentare l’occasione ideale per conoscere la città. Si comincia con un aperitivo in un bel posticino con tavoli all’aperto, si prosegue col pranzo in un ristorante lì vicino, e per il dessert ci si sposta di nuovo, magari alla gelateria Cacao, vicino alla piazza dei tre ponti. Magari non è una cosa che fareste a Roma, o a Milano, ma qui secondo me è molto naturale, un concatenamento di momenti molto semplice e spontaneo. Inoltre, spostarsi per le stradine del centro e osservare la città dalle terrazze all’aperto dei locali è un altra maniera per continuare la visita di Lubiana.


Approfittate dei prezzi abbordabili di ristoranti, bar, e gelaterie per assaggiare la dolce vita in versione slovena!


Durante le tiepide serate estive mi è successo spesso di trascorrere 5 o 6 ore a chiacchierare con amici, spestandoci di terrazza in terrazza, senza renderci conto del tempo che passava. Il centro storico è chiuso al traffico e anche per questo ci si sta così bene!


Pianificate le vacanze in Slovenia come un’occasione per rallentare, approfittare di nuovi ritmi di vita e magari fare attività sportiva.


 

4 Comments

  1. Buongiorno,
    veramente un bel sito questo.
    Ho 60 anni e ho pensato di fare una visita a Liubliana. La mia idea sarebbe di avere contatto con una persona (magari femminile? in quanto lo scambio di idee ha già un altro sapore) che magari ha bisogno di qualche EURO e si diletta a fare da guida. (non una guida professionale, ma come con un po’ di conoscenze personali, come in questo sito dove si dice il giusto e non quanto dedicato ai turisti e basta.)
    Magari credi che la mia idea sia possibile?
    Antonio

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *